Wilhelm Waiblinger

Questa è la storia di un poeta estinto mentre andava cercando libertà, da chiuso morbo combattuto e vinto. Questa è la pietra parlante di Wilhelm Waiblinger, consunto dalla tisi al primo piano di via del Mascherone 62, angolo via Giulia. 

87ee8497-2bbc-4ed4-abf0-1e92bc3437d0

Guglielmo Federico Waiblinger/Partitosi dalla nativa Germania/in questa Roma immortale/trovò la patria dei suoi sogni/ “qui solamente felice”. Era il 1826 e l’inquieto studente di Tubinga aveva davvero bisogno di sognare. Grande passeggiatore solitario e fashion victim, piccola anima smarrita tra donne e poesia, si era fatto cacciare da scuola. Non bastava a consolarlo quell’amico folle che viveva in una torre e si riempiva le tasche di sassi. Spacciandosi per corrispondente letterario, Waiblinger fuggì a Roma dove:
-diede fondo a tutte le sue ghette, vagando sempre più inquieto in città e nella campagna romana.
-incontrò un nuovo amico, il poeta Auguste Von Platen, l’ottimo conte, un fratello, che invidiava perché si vestiva meglio di lui ma che gli diede anche una mano a sopravvivere.
-incontrò un altro amico, Berthel Thorvaldsen, uomo d’innata semplicità e piacevole naturalezza che lo accolse con grande cordialità.
-incontrò la colonia tedesca a Roma, gentaglia stupida, pettegola, meschina, come quei Nazareni, che deliravano sui Nibelunghi e Pinturicchio.
-incontrò Nazarena di Olevano Romano, musa di un Parnaso contadino che gli ispirò i “Canti di Nazarena” e “i Canti dell’infedeltà”.
-incontrò altre contadine, cameriere, cittadine, pazze di quella faccia d’angelo caduto tra le osterie, i caffè, i teatri: l’ultima fu Nena, una focosa trasteverina, detta “Cornacchia”. Gli diede due figli e tutto l’amore necessario per accompagnarlo sereno nei suoi campi elisi.

Prima di morire Waiblinger scrisse altre poesie, corrispondenze di viaggio, una fiaba e la modernissima “I britanni a Roma”, una satira sul turismo inglese. Ma la sua opera più grande è aver capito che dentro l’amico folle chiuso nella torre con le tasche piene di sassi si nascondeva un genio, Friedrich Hölderlin.

UTILITATES
Wilhelm Waiblinger, “Friedrich Hölderlin. Vita, poesia e follia”, Adelphi, traduzione di Elena Polledri, Piccola Biblioteca Adelphi, 2009.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.