Herman Melville

Chiamatelo scemo. Uno che lascia moglie e figli in America, in ristrettezze e per dimenticare i suoi insuccessi fa un viaggetto di un anno, New York – Gerusalemme andata e ritorno, destinazione se stesso. Chiamatelo scemo uno che a metà strada si ferma a Roma, dietro al Pantheon, in Piazza della Minerva, nell’hotel delle celebrità e ci resta più di un mese.

Schermata 2019-05-16 alle 07.51.42

Si chiamava Herman Melville l’ospite atteso il 25 febbraio 1857. Nessuna targa lo ricorda oggi, forse per questi ricordi di pietra rivestiti:
Roma mi ha dato un’impressione di piattezza, piatta da dare oppressione, scrisse deposti i  bagagli a terra.
L’intero paesaggio non sarebbe nulla se si prescindesse dalle memorie, scrisse lasciati i bagagli in camera.
Il Tevere è un canale che cola giallo zafferano, scrisse volgendo lo sguardo oltre il fiume.
-La facciata è deludente, la cupola non eguaglia le meraviglie di Santa Sofia, scrisse volgendo lo sguardo a San Pietro.
Fumo denso, personaggi dall’aspetto litigioso scrisse mirando i tavolini del Caffè Greco, in via Condotti.
Non c’è luogo dove un uomo solo si senta più solo che a Roma, scrisse ascoltando una musica al Pincio.

Era il suo mood, invero, poche emozioni, tanta sostanza, fotografie a parole in mancanza di dagherrotipi. Ovvio, ogni tanto il cuore cedeva, davanti alle Terme di Caracalla, stupende, o a Palazzo Farnese, la più bella architettura tra le dimore private, o all’Apollo del Belvedere, una specie di risposta visibile a quel tipo di umane aspirazioni alla bellezza. E furono proprio le statue a colpirlo di più, dai giganteschi santi di San Giovanni in Laterano che l’accolsero all’arrivo, ai Cesari, ai filosofi, ai senatori sparsi dovunque, la vera e immortale popolazione della città. Una in particolare, gli restò così dentro che venne fuori solo al ritorno in America: leggete Billy Budd, la descrizione di John Claggart è modellata sul ricordo del Tiberio visto ai Musei Capitolini. Due infami senza redenzione

UTILITATES
-I corsivi sono tratti da “Diario Italiano”, Herman Melville, Robin Editore, 2002.
-Piazza della Minerva è la chiesa omonima e l’obelisco del Bernini. La loro storia qui.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.