Pablo Picasso

Questa me la sono andata a cercare, la targa di Picasso dico, entrando in un cortile di Via Margutta 53/B dove, da un marchese di 101 anni fa il pittore spagnolo affittò uno studio per fare lo scenografo. Andò così.

picasso6

L’impresario russo Diaghilev stava preparando a Roma Parade, il primo balletto cubista della storia. Squadra da paura, libretto di Cocteau, musica di Satie, coreografo Massine. Mancava qualcuno per scene e costumi. Cocteau pensò a Picasso e per convincerlo si travestì da Arlecchino. Lui, che stava in un periodo nero, gli sorrise. Il 17 febbraio 1917 prese una stanza all’Hotel de Russie (qui) e in questo atelier, con vista superba, dipinse:
-Villa Medici, più volte, di sbieco, strizzando anche l’occhio ai puntini di Severini.
-le ragazze di piazza di Spagna, quelle che venivano dalla Ciociaria per far da modelle agli artisti di via Margutta e nacquero L’Italiana e Arlecchino e donna con collana.
-le scene, i costumi e il grandioso sipario di Parade, cubisti sì ma di un cubista che alla finestra aveva Roma e il suo passato.
Poi non è che Picasso passasse le ore a dipingere. C’era una guerra da dimenticare, una mondanità da onorare e i colleghi eran gente da baracca. Quindi chiudeva bottega e andava:
-a Napoli, a Pompei o semplicemente a visitare musei, specie la Galleria Borghese e il suo Bernini.
-al caffè, al ristorante, quelli più di tendenza allora, come la Basilica Ulpia al Foro di Traiano e La Villetta in Via della Nocetta.
-a teatro e al dopo teatro, per incontrare quell’opera d’arte vivente della marchesa Casati.
-a puttane, o almeno si era segnato l’indirizzo del bordello, via Tomacelli 140.

Picasso rimase a Roma tre mesi. Le Parade andò in scena a Parigi, il 18 maggio 1817, al Teatro Châtelet. Fu un fiasco. Non per Picasso, però, che dal suo soggiorno nell’Urbe si portò a casa una valigia piena di suggestioni, d’arte e di amore. Durante le prove romane di Parade, infatti, aveva conosciuto una ballerina, Olga Kokhlova. A luglio, testimoni Guillaume Apollinaire e Jean Cocteau, erano già marito e moglie. Anche se non durò molto. 

UTILITATES
-Per il Picasso “romano”, Valentina Moncada, “Picasso a Roma”, Mondadori Electa.
-Proprio in questi giorni si è aperta alla Galleria Borghese la mostra “Picasso. La scultura”, la prima in Italia sul tema. Info: www.galleriaborghese.beniculturali.it.

 

 

 

 

 

2 pensieri su “Pablo Picasso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.