Nikolaj Gogol’

Poi ci sono quelli che una pietra parlante non basta. Ci hanno messo la faccia e l’alloro, i russi di Roma, nella targa dedicata al loro Nikolaj Gogol’, per ricordare che lo scrittore visse in Via Sistina 125, dal 1838 al 1842. Il posto dove visse meglio.gogolVia Sistina si chiamava Strada Felice, Piazza di Spagna era a due passi, la signora Anna Rinaldi gli aveva affittato un bell’appartamento al terzo piano e qui riusciva a:

-sentirsi “Niccolò Coccoli, possidente”, come scritto nel registro della parrocchia di Trinità dei Monti, e non un funzionario di ottava classe come in Russia.
-ricevere gli amici, cucinando maccheroni al dente, innaffiati di gogol – mogol, un beverone di latte di capra e rum.
-disegnare piccole cose, squarci urbani, quadri di genere.
-scrivere grandi cose, il capolavoro della targa, le “Anime morte” (anche se -dicono – un capitolo lo scrisse in osteria, ai Castelli, perché al “signor Coccoli” piaceva pure):
-vagare per buone tavole, a caccia dei soliti maccheroni, poi di ravioli, abbacchio, broccoletti, marsala, dolci, gelati, caffè con la panna.
-passeggiare sotto questo cielo di città e campagna insieme, che con tutto quel verde e quei giardini gli sembrava di essere in paradiso.
-passeggiare per una Roma fuori dal Grand Tour, tra chiese barocche e soffitti ingegnosi, Sant’Ignazio piuttosto che San Pietro, organizzando personalmente itinerari originali per i russi che andavano a fargli visita.
-far visita all’ex amante dello zar, sull’Esquilino, che riuniva a salotto artisti russi, anche se Gogol’ preferiva un romano, il romano, Giuseppe Gioachino Belli. 

A un certo punto, però, Roma diventò noia, la felicità angoscia, “misticismo” dicevano allora, una “forma di psicosi bipolare” hanno detto dopo. Gogol’ fece i bauli, cercò Roma in altre città ma alla fine tornò in Russia, dove sopravvisse ben poco. L’abitazione di Via Sistina oggi è diventata la Casa Museo dello scrittore, ospita l’Associazione Premio Gogol’ ed è visitabile su prenotazione. A Gogol’ è stata dedicata anche una statua in bronzo, in piazza Paolina Borghese, a Villa Borghese. Il “signor Coccoli” ci andava spesso e l’ha citata in un racconto che non diventò mai romanzo, “Roma” (sic!). 

UTILITATES
-Per il Gogol’ romano “La meravigliosa Roma di Gogol'”, di Rita Giuliani, Studium editore.
-Per mangiare i maccheroni (i rigatoni vanno bene uguale?) in centro, il classico Trattoria del Cavalier Gino.  

2 pensieri su “Nikolaj Gogol’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.